• ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

La bellezza oltre la superficie: l’energia silenziosa dell’inverno

ombra di un albero su un muro - ipersensibili.com

Bentornati e ben ritrovati a tutti!

Spero che il periodo di riposo festivo sia stato per voi rigenerante e che queste prime settimane dell’anno non ne abbiano già cancellato i benefici.

Le mie vacanze, sono state in parte di relax e in gran parte di lavoro.

Un nuovo libro sull’alta sensibilità

Piano piano sto riprendendo tutte le attività (anche quelle social) ma sto scrivendo il nuovo libro (sì un nuovo libro sull’alta sensibilità!) che uscirà a breve e quindi sono stata immersa nelle idee e nella scrittura. Come ho descritto anche nel mio primo libro, la chiave è alternare, da buona persona altamente sensibile che ormai conosce se stessa, momenti di vuoto e di scarico totale a momenti di flusso lavorativo. Ho bilanciato periodi di immersione sociale, nutrienti e intensi, a momenti di consapevole e scelta solitudine e mi sono accorta, una volta di più, che sì, tutto quello che racconto a voi, che scrivo nei libri o che propongo alle persone sensibili che si affidano a me in terapia, è davvero efficace nel rendere la vita più serena ed equilibrata, se messo in pratica con gentilezza e con continuità.

Non è necessario andare alle Maldive o a Cortina a tutti i costi per essere felici. 

Io sono stata al mare, qualche giorno, nel mio mare della Liguria, e molto nella natura vicino a casa a fare passeggiate.

Qualche giorno fa, camminando con Tato, il mio adorato Maltese, ho notato questo incantevole disegno che il sole, terso e gelido del mattino, produceva su un muro, riflettendo l’ombra di un albero. 

È proprio vero che la bellezza sta nel guardare oltre la superficie delle cose.

La bellezza dell’inverno

Questo disegno splendido, stilizzato, perfetto, rappresenta bene questo periodo dell’anno un po’ per tutti noi. Apparentemente tutto è grigio, fermo, congelato. Ma quanta bellezza e quanta vita silenziosa e nascosta c’è, brulicante, nel ramificarsi di questo albero, nelle radici che protette dalla terra calda, nutrono tutto il tronco. Quanta energia scorre senza essere vista e prepara la primavera, con la sua esplosione di vitalità e fertilità.

Ed io mi sento in queste settimane un po’ come quest’albero: silente fuori ma brulicante dentro.

Ma tutti noi siamo esseri viventi che “sentono” l’inverno e risuonano insieme all’inverno, come gli animali, come le piante.

Sintonizzarsi con l’energia naturale del momento può farci sentire meno disconnessi e meno stressati e può farci sentire dentro un flusso, un processo creativo e costruttivo anche se al momento non ne vediamo i risultati.

Basta diventarne consapevoli. 

Commenti chiusi