Gli IPERSENSIBILI e la relazione di COPPIA

Nel nuovo libro tratterò, tra le altre cose, anche di un tema delicato: le storie d’amore tra persone altamente sensibili e non-HSP. E sono situazioni frequenti, visto che noi siamo solo il 20% della popolazione.

Molte storie mi arrivano dalla mia pratica clinica, altre da amici e conoscenti. Ma è un tema che mi sta molto a cuore perché anche io sono una PAS e l’equilibrio nelle nostre relazioni, per noi e per i partners, richiede una manutenzione speciale.
Mi piacerebbe che tutti quelli che stanno vivendo una relazione così potessero avere una valigetta degli attrezzi… Proviamo a metterci dentro qualche strumento…

Le PAS sono portatrici di una straordinaria ricchezza dentro la coppia, che rende l’intimità, il tessuto emotivo e la relazione stessa, intensa e delicata, unica, speciale, inimitabile.
Sono anche portatrici di contraddizioni e vulnerabilità che bisogna conoscere e imparare a tenere insieme. Dobbiamo saperlo noi e deve saperlo chi ci ama.

💗Viviamo ogni emozione piacevole e spiacevole a livello intensissimo, estremo, a volte drammatico.

💗Siamo estremamente sensibili alle critiche e spesso le viviamo come un rifiuto di noi stessi come persone.

💗Leggiamo velocissimamente umori ed emozioni – anche correttamente – del partner, ma a volte anticipandolo e non sempre è una cosa costruttiva.

💗La percezione delle cose e delle situazioni può essere diametralmente opposta tra una PAS e una non-Pas e questo può creare molti conflitti o incomprensioni.

💗E i litigi, i conflitti, per le PAS, sono dei buchi neri che facciamo fatica a gestire: ci sentiamo immediatamente sopraffatti dalla situazione e invece di proteggerci, perdiamo lucidità, diventiamo reattivi e non abbiamo più a disposizione quegli strumenti affidabili e precisi che di solito possiediamo: comunicazione efficace, empatia, intuizioneintelligenza emotiva.

💗D’altro canto, il partner non-PAS deve a sua volta essere molto consapevole di se stesso, sviluppare una autentica empatia e la responsabilità di come il proprio modo, anche involontario, può innescare uno stato di overarousal nel partner ipersensibile.

Tutto questo NON rende le PAS “sbagliate” o le non-PAS “crudeli”.

Le differenze sono sempre e comunque una ricchezza, a patto che ciascun partner sia consapevole dei propri limiti e abbia voglia, per amore, di provare a spostarli, anche di poco, sempre più in là.

 

 

Commenti chiusi